Fieno Greco – A Cosa Serve, Proprietà e Controindicazioni


Il fieno greco è una delle piante officinali più antiche, il primo documento che ne testimonia l’utilizzo come medicinale risale al 15000 a.C.

Esso veniva utilizzato nell’antico Egitto a scopi curativi per le sue proprietà medicamentose.

Nella medicina popolare questa pianta medicinale veniva impiegata ad uso interno come tonico ricostituente per curare debolezza e per chi soffre di anemie, ma anche nei casi di mancanza di appetito e eccessiva magrezza,  ad uso esterno invece veniva utilizzata per curare ferite e problemi di acne.

Oggi, il fieno greco è ampiamente coltivato in India, in tutto il medio oriente e nel Mediterraneo, in Europa, in Asia-Medio Oriente e in Africa del Nord.

Le foglie sono commestibili, ma sono i piccoli semi marroni ad essere famosi per il loro uso in medicina.

In questo articolo scopriremo insieme i principali benefici del fieno greco, analizzeremo i suoi principali usi, come nel trattamento dei disturbi ormonali, per riequilibrare i livelli di zucchero nel sangue, aumentare il volume del seno e nel trattamento della sindrome premestruale e della menopausa.

aspetti curativi del fieno greco

L’uso del fieno greco veniva utilizzato fin dai tempi antichi per curare problemi digestivi, problemi di artrite, problemi renali,  per alleviare i sintomi della menopausa, infezioni della pelle e lesioni.

Oggi viene impiegato come stimolante sull’appetito, per abbassare il colesterolo alto, per curare l’eczema e il diabete, per  aumentare la produzione di latte nelle donne che allattano e per aumentare il seno, ma per quest’ultima proprietà benefica occorre usare cautela in caso di gravidanza in quanto potrebbe stimolare le contrazioni.

benefici-fieno-greco

percentuali sull’RDA (dose giornaliera raccomandata)

Quindi l’impiego terapeutico di questa pianta può essere fatto ad uso interno (allattamento, ipercolesterolemia, gastrite, magrezza e deperimento post convalescenza) o ad uso esterno (acne, foruncoli, ferite, bolle, emorroidi).

In India e in Cina è stato da sempre largamente utilizzato per trattare artrite, asma, bronchite, per favorire una corretta digestione, mantenere un metabolismo sano e attivo, per curare i problemi della pelle, come efficace trattamento contro il mal di gola e per curare il reflusso acido allo stomaco.

Come utilizzare Le foglie

All’aspetto, il fieno greco è molto simile al trifoglio, ha piccoli fiori bianchi e lunghi baccelli contenenti ciascuno 10 a 20 piccoli semi giallo-marrone, piuttosto duri, dall’aroma pungente e dal sapore piuttosto amaro, tuttavia, il loro gusto diventa più gradevole una volta tostati.

L’utilizzo del fieno greco risulta essere molto interessante, in quanto possono essere utilizzate tutte le sue parti: foglie, semi e germogli.

Le foglie, ricchissime di vitamina K, ad esempio si possono essiccare e possono essere utilizzate come le erbe, quindi per la preparazione del te e tisane.

È possibile acquistare il fieno greco sotto forma di polvere, pillole o in crema sia on line sia in erboristeria.

Come utilizzare I semi

I semi di fieno greco sono ricchi di fosforo, fitoestrogeni (utili per aumentare il seno), saponine e sali minerali

I semi sono amari ma perdono la loro amarezza se leggermente tostati.

Sono ricchi di vitamine come la tiamina, acido folico, riboflavina, niacina, vitamine A, B6 e C, e contengono molti sali minerali come rame, potassio, calcio, ferro, selenio, zinco, manganese e magnesio.

problemi della pelle e capelli

Il fieno greco o Methi può essere utilizzato come trattamento topico nelle maschere cosmetiche per aiutare a prevenire i punti neri, brufoli, rughe e grazie ai suoi composti anti-infiammatori risulta un valido aiuto nel trattamento di vari problemi della pelle come ustioni, bolle e l’eczema.

L’olio essenziale di fieno greco invece, se aggiunto in una piccola quantità al comune shampoo, aiuta a combattere la forfora e favorisce la crescita del bulbo pilifero del capello.

Ecco un semplice rimedio per trattare infiammazione alla pelle:

Lasciar bollire dell’acqua con i semi di fieno greco, immergere un panno e una volta imbevuto applicarlo direttamente sulla pelle.

Fieno greco e Attività sportiva

Il fieno greco è ottimo per chi vuole mettere su massa muscolare per via del suo effetto anabolizzante.

Il contenuto di fosforo agisce come stimolante, migliora la resistenza allo sforzo fisico attraverso un incremento di utilizzo degli acidi grassi durante lo sforzo fisico .

Il fieno greco ha effetti benefici sulla regolazione del metabolismo grazie ad un miglioramento del tono fisico, utile in caso di attività fisica intensa e/o prolungata.

Le sue spiccate proprietà anabolizzanti riguardano la presenza di sostanze steroidee anabolizzanti in grado di aumentare la sintesi proteica muscolare che favorisce l’aumento della massa muscolare, mentre  un amminoacido naturale chiamato 4-idrossi-isoleucina favorisce il trasporto degli aminoacidi ai muscoli.

Il fieno greco è stato anche utilizzato per alleviare i dolori muscolari sotto forma di impacco caldo.

ridurre i dolori mestruali

Il fieno greco contiene composti con proprietà calmanti che aiutano a ridurre i sintomi mestruali come dolore e crampi.

Inoltre questi composti possono essere utili anche per alleviare i sintomi della menopausa, come le classiche vampate di calore e fluttuazioni dell’umore.

in menopausa

In menopausa l’utilizzo abituale del fieno greco potrebbe ridurre l’effetto delle vampate di calore e le variazioni continua di umore che sono sintomi più comuni della menopausa.

leggermente aumentare le dimensioni del seno

I fitoestrogeni  contenuti al suo interno possono aiutare l’ingrandimento del seno, riequilibrando gli ormoni della donna e stimolando la produzione di latte.

Ma in che modo il firno greco potrebbe essere utile per aumentare il volume del seno?

Il fieno creco risulterebbe in grado di promuovere la crescita di nuove ghiandole mammarie grazie alle sue proprietà galattogene e alla presenza di composti vegetali efficaci per sviluppare il seno.

In questo risulterebbe utile per aumentare in modo naturale la dimensione del seno, e la sua compattezza.

Il fieno greco è anche utilizzato come aiuto naturale per bilanciare gli ormoni femminili, in questi casi è largamente impiegato come bevanda al posto del classico tè.

aumentare la produzione di latte

Il largo impiego del fieno greco dalle donne è stato spinto anche per merito dell’elevato contenuto di fitoestrogeni che hanno la capacità di aumentare la produzione di latte nelle donne che allattano.

Il latte prodotto dal consumo di questa erba però, potrebbe assumere il caratteristico odore dell’olio essenziale della pianta, un odore particolare e che solitamente non piace ai neonati.

contrasta il bruciore di stomaco

Quando si tratta di bruciore di stomaco, un cucchiaino di semi di fieno greco al giorno durante i pasti potrebbe essere un rimedio efficace per il reflusso acido!

Questo beneficio risulta efficace grazie alle mucillagini contenute all’interno dei semi, grazie alle proprietà antinfiammatorie risulterebbero utili in caso di irritazioni delle mucose, in caso di stitichezza grazie ad un’azione lassativa e in caso di tosse in quanto sono in grado di decongestionare bronchi e polmoni.

Eesse creano una sorta di rivestimento protettivo sia nello stomaco sia nell’intestino, in questo modo leniscono i tessuti irritati di stomaco e intestino di stomaco e intestino.

Aggiungendo un cucchiaino di semi di fieno greco sopra il cibo o assumerli con un bicchiere d’acqua prima dei pasti risulterebbe utile per lenire l’infiammazione gastrointestinale in modo naturale ed è con questo semplice gesto che i semi di fieno greco risultano un rimedio efficace contro il bruciore di stomaco e il reflusso acido.

controlla i livelli di zucchero nel sangue

Studi clinici hanno evidenziato un veloce abbassamento del tasso di zuccheri nel sangue grazie a fibre naturali come il galattomannano, in grado di rallentare il tasso di assorbimento di zucchero in sangue.

Abbassa il colesterolo nel sangue

L’utilizzo dei semi di fieno greco aiuterebbe a ridurre il livello di colesterolo, in particolare quello cattivo LDL.

Il responsabile di questo effetto benefico riguarderebbe la presenza delle saponine con azione ipocolesterolemizzante, questo significa in grado di legarsi con il colesterolo riducendo il suo assorbimento a livello intestinale.

Gli studi clinici in cui i soggetti sono stati sottoposti ad una integrazione a base di semi di fieno greco hanno riscontrato un abbassamento dei livelli di colesterolo del 14% dopo 24 settimane.

LINK: Come abbassare il Colesterolo con la Dieta

Valore nutrizionale

100 g di Fieno greco o trigonella apportano circa 323 calorie, 23 g di proteine, 58 g di carboidrati, 6.4 g di zuccheri e 24.6 g di fibre.

Il suo apporto calorico e nutritivo è molto simile a quello dei legumi come fagioli, ceci e lenticchie.

100 grammi di fieno greco contengono percentuali eccezionali di Ferro, quindi è un alimento indispensabile per la produzione di globuli rossi e quindi consigliabile per chi soffre di anemia.

E’ anche un’ottima fonte di molti e differenti minerali come calcio, potassio, zinco, rame, manganese e magnesio, contiene ottime quantità di vitamine del gruppo B come tiamina (Vit.B1), acido folico (Vit. B9), riboflavina (Vit. B2), niacina (Vit.B3) e piridossina (Vit.B6)

LINK: Gli alimenti Ricchi di Vitamina B1

LINK: Gli alimenti Ricchi di Vitamina B9

LINK: Gli alimenti Ricchi di Vitamina B2

LINK: Gli alimenti Ricchi di Vitamina B3

LINK: Gli alimenti Ricchi di Vitamina B6

Fieno greco per dimagrire o ingrassare?

La presenza di una grande quantità di di principi nutritivi essenziali come aminoacidi, vitamine, lipidiminerali  e per le proprietà toniche e ricostituenti dei semi, il fieno greco risulterebbe essere un rimedio utile in caso di eccessiva magrezza e nei casi di post convalescenza.

L’utilizzo del fieno greco non si limita solamente a questo, quindi non  sarebbe utile solo per riacquistare un po’ di peso perso ma anche per perderlo.

Il fieno greco influisce in modo benefico sul metabolismo, stimolando l’appetito, ma non è utilizzato solamente per riacquistare un po’ di peso corporeo come sostituto alla pappa reale, ma può essere utilizzato anche per il contrario, quindi per perdere un po’ di peso.

La fibra solubile di cui ne è ricco, gonfiandosi nello stomaco genera un immediato potere saziante, sopprimendo l’appetito.

Può quindi aiutare anche a perdere peso, ma il dimagrimento non sarà strabiliante, si tratta di piccole modificazioni di peso, quindi un dimagrimento molto modesto in quanto si tratta comunque di un legume ad elevato potere calorico.

Per cui una volta ingerito, il fieno greco inizialmente può far avvertire una sensazione di pienezza che però può portare ad avere più fame durante il giorno, quindi ad assumere più calorie.

L’uso del fieno greco In cucina

Il fieno greco è utilizzato in molte ricette in stile indiano, come abbiamo visto, le foglie fortemente aromatiche vengono utilizzate per preparare il te e le tisane, i semi vengono macinati e aggiunti alle ricette indiane e i germogli della pianta vengono utilizzati in cucina come i classici germogli di erba medica (alfa-alfa) o di legumi (soia, lenticchie, ceci, fagioli), quindi ad esempio in aggiunta alle insalate.

Mai provato a preparare del pane fatto in casa con i semi di fieno greco?

I semi macinati si possono utilizzare come insaporitore naturale del pane fatto in casa (una volta pestati si possono aggiungere all’impasto del pane), mentre se tostati possono essere utilizzati come surrogato del caffè.

I semi possono essere solitamente  acquistati nei negozi di spezie indiane o nel reparto etnico del tuo supermercato.

dosaggio

Le dosi possono variare da 5 a 30 grammi al giorno. Essi variano a seconda della persona e i motivi di utilizzo, quindi se stai pensando di assumere fieno greco come supplemento, parlare prima con il medico per essere certa di assumerlo in dosi corrette.

Effetti Collaterali e controindicazioni

Il fieno greco se usato con moderazione è considerato generalmente sicuro, non sono state riscontrati effetti collaterali significativi.

Tuttavia, gli effetti collaterali riscontrati in maniera minore sono disturbi del sistema nervoso come capogiri e  nausea, e disturbi gastrointestinali come eccesso di gas intestinale e diarrea.

Le principali controindicazioni riguardano l’utilizzo del fieno greco durante la gravidanza e se si stanno prendendo farmaci.

L’utilizzo del  fieno greco non è consigliato per le donne incinte in quanto può indurre il travaglio, quindi in questo caso è bene chiedere al proprio medico curante prima di iniziare qualsiasi tipo di assunzione.

 

Alimentazione Vegana: Come e Perché Iniziare

ALIMENTAZIONE-VEGANA
Anche se non sono vegana adoro inserire questo tipo di cucina nella mia alimentazione quotidiana. Ormai da molti mesi a…

I Muffin Proteici per Saziarti a Colazione!

muffin-proteici
Difficile credere che sia possibile godersi un bel muffin a colazione senza la minima preoccupazione di grassi e zuccheri! Io non pretendo troppo,…
Ultimo aggiornamento: 28 marzo, 2016