I Carboidrati Contro la Fame Nervosa


contrastare la fameLe nostre abitudini alimentari possono influenzare il nostro stato d’animo, il nostro umore ed il nostro modo di mangiare.

Si tratta di sostanze chimiche che nel nostro cervello producono veri e propri cambiamenti nello stato d’animo, ad esempio quando i livelli di serotonina sono bassi, siamo naturalmente più ansiose ed irritabili.

Alcuni alimenti aumentano la produzione di serotonina, e sono quelli ad alto contenuto di carboidrati, alimenti che quando li mangiamo ci fanno sentire bene, soddisfatte e sazie. Per capirci.. hai mai iniziato una dieta a basso contenuto di carboidrati? Ecco.. ho detto tutto!

Quindi c’è una reale connessione cibo-umore, perché la serotonina presente negli alimenti ricchi di carboidrati è legata alla sensazione di sazietà e di soddisfazione, quindi essenziali per combattere la fame nervosa e l’irritabilità.

livelli di fame nervosaSe i livelli di serotonina nel nostro cervello sono bassi, automaticamente ci sentiremo affamate ma non solo, ci sentiremo ansiose, bramose di cibo spazzatura perché il nostro organismo non è soddisfatto.

Quindi, per il buon mantenimento della tua dieta, quello che ti serve è trovare uno strumento perfetto contro la fame nervosa, quella fame che ti prende all’improvviso e che ti spinge a mangiare troppo. Quindi il segreto contro la fame nervosa è assumere abbastanza alimenti ad alto contenuto di carboidrati per non rischiare attacchi di fame nervosa.

Mangiare carboidrati al momento giusto durante la giornata è l’ideale per mantenerci in equilibrio.  Quindi, fondamentalmente, mangiare i cibi giusti, ed ecco alcuni suggerimenti contro la fame nervosa: I Cibi del Buoni Umore per Mantenere la Dieta

Come Eliminare la Fame Emotiva

Mangiare per te potrebbe non essere mai stato un problema, per te la parola fame potrebbe essere sempre stata la…

Oscillazioni di Peso: Perché Aumento di Peso?

Ok è comprensibile fare attenzione a non aumentare di peso ed avere un'occhio stabile alla nostra forma fisica, ma cosa significa…
Ultimo aggiornamento: 24 aprile, 2014