L’ossessione per il Cibo tipica nelle Donne


Se la maggior parte della giornata la spendi per pensare a quello che hai appena mangiato o a cosa mangerai oggi, allora è possibile che tu soffra di una forma di ossessione per il cibo.

Il comportamento ossessivo compulsivo del pensare continuamente al cibo non ha nulla a che fare con il cibo in sé, ma ha a che fare con l’immagine che tu hai di te stessa.

Il cibo è solamente in campo di battaglia che hai scelto.

È il luogo dove eserciti uno stretto controllo nella speranza che nessuna delle tue paure e delle tue emozioni  profonde saltino fuori.

Chiediti che cosa accadrebbe se non ti concentrassi così tanto sui prodotti alimentari e lasciassi andare il controllo sul cibo. Hai paura di essere una persona peggiore?
Il peso e l’immagine di te non sono la stessa cosa.

Sappi che è possibile disimparare questo comportamento.

Ognuno di noi ha un campo dove definisce il proprio successo e se la tua definizione di successo è in campo alimentare con un iper controllo dell’assunzione di cibo, sappi che è il campo sbagliato ed è necessario che tu cambi le tue priorità.

Come avrai notato anche tu stessa, uno dei problemi più frequenti con i programmi di perdita di peso, è che sono molto concentrati sul conteggio delle calorie e sul pesare costantemente gli alimenti, a volte, le donne iniziano una dieta solo perché non vogliono mangiare troppo, ma la struttura stessa della dieta impone loro di trascorrere l’intera giornata incentrate sul cibo, così da aggravare il problema.

La quantità di cibo che mangiamo è guidata da una combinazione di segnali sensoriali cosiddetti di misura, come la sensazione di pienezza dello stomaco e la sazietà.

Una volta che hai soddisfatto una determinata voglia di cibo, la sensazione di gratificazione e di benessere che provi è associata all’attivazione di aree cerebrali in risposta agli stimoli di odore e sapore, ed esse regolano il rapporto con le quantità e la voglia di cibo.

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Neuro Image, ha scoperto che il cervello reagisce in modo diverso a cibi dolci calorici e cibi sempre dolci ma non calorici.

Lo studio ha esaminato l’attività cerebrale in risposta ad una aranciata calorica ed una dietetica, ed ha scoperto che le bevande caloriche colpiscono l’attivazione dell’amigdala cioè l’area di ricompensa del cervello.

Quindi goderti il tuo cibo preferito, ma mangiarne di meno, è la maniera migliore per soddisfare la golosità. Mangiare ciò che vuoi e che ti gratifica potrebbe benissimo essere collegato con l’attivazione dell’amigdala e quindi con il senso di pienezza e benessere.

Continua a leggere…
Disturbo del Comportamento Alimentare o Binge Eating Disorder
Perché la Dieta Non Funziona
Le Caratteristiche di una Dieta che Funziona
Dopo la Dieta Che Fare?

Disturbo del Comportamento Alimentare o Binge Eating Disorder

Il Disturbo del Comportamento Alimentare detto Binge Eating Disorder, è caratterizzato da abbuffate incontrollabili, dove mangiare con comportamenti compensatori diventa una…

La Correlazione tra Dieta e Stati d'Animo

Il tempo per dolci e stravizi culinari di ogni genere, è ormai finito, se vuoi eliminare un po’ di ciccia…
Ultimo aggiornamento: 25 maggio, 2014
Scrivi un Commento!